Rovato: senso unico al cavalcavia di via Franciacorta, dal 9 luglio arriva un marciapiede pedonale

senso-unicoChiude, in direzione nord e fino al 9 luglio, il cavalcavia di via Franciacorta a Rovato, la direttrice che dal centro storico conduce verso la rotonda Bonomelli, il centro commerciale “Le Porte Franche”, il lago d’Iseo e il casello A4 di Rovato sulla Milano – Venezia.

Fino ad allora c’è il senso unico di marcia, unicamente per chi dalla rotonda Bonomelli entra in paese.

Le auto in uscita sono dirottate lungo il cavalcavia di via per Rovato – via I Maggio, quello che conduce in direzione di Calino di Cazzago San Martino.

Motivo? I lavori dell’Amministrazione comunale che sta realizzando un marciapiede pedonale sul lato ovest del cavalcavia di via Franciacorta, rivolto verso la ex Ge e le stesse “Porte Franche”.

Sul lato est è invece aperto, ormai da diverse settimane, una pista ciclabile.

Di seguito, il comunicato del Comune di Rovato:

Si comunica alla popolazione che da lunedì 9  giugno al  9 luglio il cavalcavia di  via Franciacorta a Rovato sarà transitabile solo nella direzione “Erbusco-centro Città”.

Le auto in uscita da Rovato saranno deviate su altre direttrici. L’istituzione del senso unico nel tratto di via Franciacorta compreso tra la rotatoria che la stessa crea con via Pasubio e il sovrappasso autostradale si rende necessaria a causa dei lavori di realizzazione del marciapiede sul cavalcavia.

Un opera questa che, in aggiunta alla pista ciclo pedonale renderà ancora più sicuro per i pedoni  transitare in quel tratto di strada.

RSS Feed for This Post14 Comment(s)

  1. Gigi | giu 17, 2014 | Reply

    finalmente si sa che cacchio stanno combinando su sto cavalcavia! manco per il ponte di brooklyn tutto sto casino.

    Hot debate. What do you think? Thumb up 17 Thumb down 14

  2. Fulvio Vittorio | giu 18, 2014 | Reply

    Tranquillo, dopo secoli dove ciclisti, motociclisti e pedoni potevano essere tranquillamente stesi dalle autovetture adesso hanno più opzioni per passare il ponte dell’autostrada. Se l’opera è stata “estorta” alla Bentivoglio per quanto inutile è comunque gratuita se hanno speso soldi è solo l’ennesimo spreco. Comunque tra breve inizieranno i lavori per trasformare la rotonda Bonomelli in un parcheggio per elicotteri, sai meglio prevenire….

    Ti piace? Thumb up 3 Thumb down 17

  3. Marcelo A. Poblete | giu 19, 2014 | Reply

    Probabilmente il marciapiede sul cavalcavia di via Franciacorta deriva dagli oneri, ma a dire il vero sono un poco perplesso. A parte gli enormi disagi che comporta l’interruzione della più importante arteria in uscita da Rovato, che causa quotidianamente ingorghi infiniti, ma c’era davvero bisogno di questa opera? La pista ciclabile al lato est è gia oggetto di alcune critiche ed andrebbe rivista in alcuni punti, come ad esempio l’illuminazione sul ponte, che ovviamente in base al codice della strada deve essere a terra, lo spartitraffico sempre sul ponte, estremamente pericoloso, sia per pedoni che ciclisti, ma soprattutto i tratti di attraversamento che hanno sollevato le perplessità anche di organi preposti al controllo stradale. Alla luce di ciò, non era forse più sensato utilizzare le risorse per porre rimedio a questi punti critici sulla pista a lato est? con tratti di attraversamento protetti ed illuminati come impone il codice nei punti di alta densità di traffico e particolarmente sensibili oltre all’adottamento di rallentatori. Si corre il rischio di avere due opere a metà, ovvero un marciapiede al limite di utilizzo visto quanto è stretta la corsia oltre a verificare se è omologata anche per i disabili e sia priva di barriere architettoniche, va ricordato inoltre che fino a quando il tratto dell’ex bar stadio non si risolve e probabilmente passerà ancora molto tempo, il cosidetto marciapiede è fruibile solo da chi proviene dal villaggio S.Donato, ma chi va in bici deve sempre attraversare l’incrocio. La seconda, siglata sia per bici che per pedoni, ma con i punti critici da risolvere.

    Hot debate. What do you think? Thumb up 18 Thumb down 9

  4. Gigi | giu 19, 2014 | Reply

    ne sa a pacchi sto marcelo

    Ti piace? Thumb up 5 Thumb down 6

  5. Vrooooom | giu 19, 2014 | Reply

    @M.A. Poblete
    non per fare l’avvocato del comune ma le faccio notare che quel ponte non è stato chiuso, è stato chiuso solo a metà infatti è aperto in direzione Rovato centro. Ho buona memoria, quella pista e lo spartitraffico sono opere cominciate dalla precedente amministrazione comunale e mai completate in seguito a problemi con l’impresa edile che vi lavorava, fu un bel pasticcio, quindi ben venga il loro completamento da parte dei nuovi amministratori. Penso che i progettisti sappiano fare il loro lavoro e che tutte le normative di progettazione siano state seguite, altrimenti la pista ciclabile non sarebbe stata nemmeno autorizzata e aperta al pubblico, non crede? Certo lei ha ragione quando dice che quell’opera è poco interconnessa ad esempio con la ciclabile di via Franciacorta, ma questo non significa che si dovesse lasciare un’opera a metà che tra l’altro era ferma da 2 anni! Salutations.

    Ti piace? Thumb up 13 Thumb down 10

  6. @Marcelo A. Poblete | giu 19, 2014 | Reply

    Mi scusi ma non la capisco e visto che le ho dato il voto gradirei delle spiegazioni.
    Ma non fa parte della maggioranza? Perchè critica l’amministrazione?

    Ti piace? Thumb up 11 Thumb down 9

  7. Biondino | giu 19, 2014 | Reply

    Non conosco i dettagli del progetto e non so chi paga l’opera, però mi sembra una buona cosa diporre di un marciapiede per chi va alle porte franche a piedi. Quanto ai disagi, c’è sempre qualcuno che si lamenta quando fai le cose. Si lamenta anche se non le fai. Insomma, non si può avere moglie ciucca e botte piena.

    Hot debate. What do you think? Thumb up 16 Thumb down 9

  8. @Vrooom | giu 20, 2014 | Reply

    Il comune di Rovato, come del resto tutti i comuni, si affidano a studi tecnici, ad esempio la precedente amministrazione aveva affidato ad uno studio di Brescia la progettazione, ad esempio, del ripristino di corso Bonomelli. Anche l’attuale amministrazione affida a studi esterni la consulenza, ma non è detto che le cose siano per forza fatte bene. Mi spiego meglio, avrà notato che spesso esistono progetti inspiegabili ed a detta di molti insensati, parcheggi impraticabili, corsie stradali troppo strette, sensi di marcia poco fruibili e così via, questo perchè gli studi di progettazione, spesso operano lontani dai lochi e si basano su parametri che spesso si scontrano con la realtà. Vede, io avevo come professore un certo Renzo Piano, che mi ha sempre insegnato che i parametri sono punti di partenza che devono essere trascritti nella realtà. Ovviamente per avere le certificazioni serve che determinati progetti rispettino questi parametri, ma lo ripeto non è detto che nella pratica si traducano in efficienza. Detto questo, credo che a fronte di oneri corrisposti da chi utilizza il territorio, sia compito di un buon amministratore individuare opere adeguate e massimizzare queste risorse e non fare realizzare opere inutili “tanto per..”. La pista ciclabile lato est, lo dice la parola stessa è certificata sia per pedoni che per cicli, ma chiunque l’abbia provata sa che attraversare in alcuni punti è davvero rischioso. Dunque, secondo lei adottare metodi di attraversamento in sicurezza, che costano, non sarebbe stato più sensato? Del resto la carreggiata pedonale della nuova pedonale risulta al limite del regolamento, dunque che senso ha ripetere un’opera già esistente che presenta problemi con un’altra? e come se lei ha una bella macchina nuova che ha problemi ed invece di portarla a riparare ne compra una più piccola senza risolvere il problemi della prima auto, in questo caso comprata con i soldi dei contribuenti. Per quanto riguarda il mio caro votante, non credo che lei mi abbia votato perchè pensava che a qualsiasi cosà anche quella più assurda avrei detto si. Oggi il mio parere è solo un opinione da libero cittadino, infatti non ricopro ruoli, anche so ho preso più voti della signora Mombelli, ma se ne avessi stia pur certo che le mie critiche sarebbero state ben più efficaci, non sarei mai stato una scimmietta che alza le mani a comando.
    M.A.P.

    Ti piace? Thumb up 11 Thumb down 6

  9. @ Biondino | giu 20, 2014 | Reply

    L’amministrazione comunale ha il solo compito di coordinare e decidere le tempistiche delle opere (visto che sono pagate da privati). Ma non riesce a fare nemmeno questo.

    Ti piace? Thumb up 8 Thumb down 10

  10. pacco | giu 20, 2014 | Reply

    @Poblete
    Aveva scritto che il ponte era stato chiuso e non è vero. Aveva scritto di opera aperta malgrado irregolarità ma se a suo dire vi sono irregolarità perchè non le denuncia alle autorità? E per la cronaca, il suo ex docente Renzo Piano è uno dei senatori a vita più assenteisti di sempre, forse era meglio fare un altro esempio.

    @@biondino
    Grandissime balle amico. Intanto a Rovato i lavori pubblici sono ripartiti e lavori pubblici significa apertura di cantieri e apertura di cantieri significa deviazioni e qualche disagio temporaneo. Forse tu ami girare in bici in via Poffe per ammirare la caserma da 4 milioni di euro.

    Ti piace? Thumb up 6 Thumb down 11

  11. fulviovittorio | giu 21, 2014 | Reply

    Battute a parte, era sufficiente far sì che questi lavori si svolgessero in un periodo dell’anno in cui questa importante arteria fosse meno trafficata anche perchè si svolgono in concomitanza dei lavori relativi alla rotonda di lodetto e a sud con quelli della Brebemi per cui il traffico è congestionato in più direzioni. Il 22 luglio,pare sia certo, , credo che l’amministrazione sia informata in modo più preciso,Brebemi sarà operativa. Iniziarli dopo questa data avrebbe creato meno disservizi.

    Ti piace? Thumb up 2 Thumb down 9

  12. fulviovittorio | giu 21, 2014 | Reply

    Caro @Vrooom, non so chi sei ne a che schieramento appartieni, ma ritengo la tua osservazione assulutamente in linea con il mio pensiero.

    Ti piace? Thumb up 2 Thumb down 5

  13. Tristhan | giu 23, 2014 | Reply

    Criticare è facile, essere propositivi un poco meno, attuare è difficile.
    La ciclabile ci voleva ed è stata una ottima cosa, capisco Poblete che si riferisce a specifiche normative ma direi che sicuramente “oggi meglio di ieri”, la situazione con la ciclabile è molto migliore di prima, quindi in ottica di miglioramenti il comune ha agito benissimo, ha realizzato un ottimo servizio ai cittadini ed altrettanto lo sarà anche il marciapiedi sul lato opposto.
    Chi se ne frega se per un mese la strada diventa a senso unico, dobbiamo essere tutti disposti a qualche piccolo sacrificio per migliorare (e la strada a senso unico non è poi nemmeno un sacrificio così grande).

    Ti piace? Thumb up 11 Thumb down 8

  14. falco | giu 26, 2014 | Reply

    sono concorde con MARCELO A.POPLETE su quanto a scritto riguardo la pista ciclabile e il marciapiede vorrei solo far notare che se un progetto è stato commisionato a studi esterni al comune se la cosa non è fattibile non si fa e vorrei che ci fosse un eventuale controllo da parte delle autorità competenti perchè i soldi spesi male sono sempre di noi cittadini

    Ti piace? Thumb up 1 Thumb down 0



RSS Feed 
for This PostLascia un commento