DISCARICA MACOGNA: IL “GAMBERO” BROLETTO, UN PASSO AVANTI…E DUE INDIETRO.

11228524_616719958466977_6845725274991117747_nLa Provincia di Brescia e la discarica in Macogna, tra Rovato, Berlingo, Travagliato o Cazzago San Martino: bene o male?

E cosa sta succedendo davvero, al netto delle ultime notizie comparsa sulla stampa locale?

Facciamo in questo post un po’ di chiarezza, se ci riusciamo.

I fatti: martedì 24 novembre il quotidiano Bresciaoggi “spara” il titolo, “La Provincia blocca la discarica Macogna”, facendo riferimento a un atto di diffida spedito dal settore Ambiente del Broletto, lo scorso 19 settembre, alla Drr, la ditta autorizzata a conferire rifiuti proprio dalla Provincia nel 2013.

Nell’articolo, firmato da Cinzia Reboni, si legge:

La Provincia chiude, anzi congela la discarica Macogna. Con un provvedimento del settore Ambiente, il Broletto ha diffidato la Drr a proseguire l’attività di smaltimento rifiuti nella cava dismessa incastonata fra Travagliato, Rovato, Cazzago San Martino e Berlingo. Alla luce dell’inchiesta aperta dalla procura di Brescia sulle presunte violazioni nelle procedure di conferimento delle scorie di acciaieria, la misura era nell’aria da settimane. A sorprendere sono semmai i termini perentori e le disposizioni accessorie che sembrano il prologo a un stop prolungato, se non addirittura definitivo. (…)

Anche Legambiente, ripresa da quibrescia.it, canta vittoria, dando il proprio “plauso alla Provincia” e chiedendo ora al presidente Pier Luigi Mottinelli (Pd) di “pensare a una bonifica dell’area, con un massiccio intervento di piantumazioni di alberi e il recupero ad altre funzioni”.

Tutto risolto, quindi, nonostante le molte frizioni tra la stessa Provincia – e Mottinelli in particolare – e i residenti antidiscarica, riuniti nel Comitato spontaneo No Macogna, che più volte avevano “punzecchiato” il presidente del Broletto, anche con contestazioni pubbliche, sulla scarsa…pugnacità della sua opposizione alla Macogna? Secondo gli stessi “maco-gnari” e secondo Cristina Bellini, combattivo avvocato e sindaco del piccolo Comune di Berlingo, no.

Anzi: per i “No Macogna” l’atto della Provincia “è il minimo sindacale. Dopo i campionamenti effettuati a nostre spese e quelli successivi dell’Arpa, che evidenziano la presenza fuori norma di almeno un importante valore (il molibdeno); dopo il sequestro dell’area per presunti sversamenti non conformi alle normative, e l’inchiesta della Procura di Brescia ancora in corso; dopo il ricorso al Tar dei Comuni, il cui esito è stato anticipato da giugno a marzo 2016, la Provincia poteva scegliere la semplice diffida, la sospensione dell’autorizzazione o, come chiediamo da mesi, la revoca della stessa”

Il Broletto ha scelto la strada più light, la semplice diffida, “non, si badi bene – precisa il sindaco Bellini – a  conferire i rifiuti in generale, ma solamente a farlo senza entrare in contrasto con le prescrizioni e le normative vigenti”.

L’unica buona notizia, insomma, è che la lotta dei residenti contro l’ennesimo “buco” alle porte della Franciacorta e di Rovato non si è fermata con l’arrivo della brutta stagione. Anzi: Al “lido Macogna” del periodo estivo si è infatti sostituito “baita Macogna”, un piccolo prefabbricato dotato di stufa e (qualche) comfort per continuare a difendere il territorio, giorno dopo giorno.

Proprio dalla seguita pagina Facebook del Comitato spontaneo contro la discarica Macogna, pochi giorni fa, è arrivato l’ultimo aggiornamento sulla discarica:

“Buonasera Macognari e non. È qualche giorno che non condividiamo ed aggiorniamo la nostra pagina FB in merito alla situazione Macogna.Ricordiamo che la discarica per ora è ancora sotto sequestro.Nonostante i cancelli siano chiusi, tutte le mattine e buone ore del pomeriggio, troverete Maco-gnari a vigilare la situazione.Siamo in attesa di risposte ,che tardano ad arrivare ed in merito a questo vorremmo ricordare che siamo…

PIÚ FORTI DI CHI CI VUOLE MORTI !!!!”

6 pensieri su “DISCARICA MACOGNA: IL “GAMBERO” BROLETTO, UN PASSO AVANTI…E DUE INDIETRO.

  1. Autorizzazione provinciale Ottobre 2013, autorizzazione provinciale all’ingresso dei rifiuti due giorni prima delle elezioni provinciali di Ottobre 2014. Per anni la Provincia ha ricorso contro i Comuni a favore dei privati. Ora, invece, arriva un dffida che è molto più pesante di quello che traspare dalle parole della sindaca. Se il magistrato, infatti, dovesse dissequestrare il sito il privato potrebbe immediatamente riprendere a conferire. La revoca di un’autorizzazione passa sempre da atti propedeutici. Uno di questi è proprio una diffida.

    Mi piace

  2. Caro Avvocato delle cause perse, ti sei perso un bel pezzo di storia. Oppure l’hai taciuto furbescamente. Tutto l’affaire Macogna (ralizzaziine della cava, trasformaziine in discarica, prima autorizzazine al conferimento) fu avallato da una giunta di centrosinistra di Cazzago nel lontano 2003.

    È ovvio che tutta le gestione successiva ha dovuto fare i conti con l’avvio delle escavazioni e con i successivi conferimenti. Volenti o nolenti, quello è stato il vero grave peccato originale, non l’aveva prescritto il medico che Cazzago dovesse realizzare quella discarica.

    Sì perchè ricordiamoci che la discarica Macogna è su territorio di Cazzago San Martino, non di Rovato, ripetiamolo ad libitum in quanto contro il Comune di Rovato sono stati sollevati polveroni e strumentalizzazioni politiche infami, guarda caso da quando Rovato è tornato al governo il centrodestra.

    Mi piace

    • Ah già, dimenticavo. L’assessore rovatese che rilasciò parere favorevole al progetto di discarica nell’aprile 2013 era iscritto a SEL. Ma fammi il piacere…………

      Mi piace

      • Ma a Rovato nel 2013 non c’erano assessori di SEL.
        A
        ROVATO NEL 2013 era sindaco la Martinelli.

        Mi piace

  3. questo e’ il regalino della martinelli…..3 anni di amministrazione disatro totale

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...