Volantini anonimi. Il Pd di Rovato: “i debiti ci sono o non ci sono?”

pdrovato_verdeSull’ultimo Consiglio Comunale a Rovato, dove si è parlato pure dei volantini anonimi comparsi contro alcuni amministratori (clicca qui), pubblichiamo la riflessione del Partito democratico, all’opposizione:

“Seduta fiume quella del consiglio comunale di giovedì 17/11.

Alcuni passaggi della seduta sono stati accesi: sono stati quelli in cui abbiamo chiesto chiarimenti puntuali su talune partite da noi notate nelle variazioni di bilancio proposte.

Nello specifico, troppe le voci che, a fronte dell’importante somma corrisposta da Cogeme, testimoniano una gestione del Comune approssimativa e senza alcuna progettualità a medio termine.

Alcuni esempi.

1) Contributi una tantum ai bisognosi: 31.000€ di cui circa la metà erogati a sole 4 persone con versamenti ripetuti da Gennaio 2016;

2) Consulenze esterne: + 48.600€ per incarichi tecnici (per un totale di oltre 75.000€) tra i quali quello di progettazione del “ponte levatoio” sugli spalti Don Minzoni. E’ una priorità per Rovato?

3) Spese Legali: la vicenda del certificato di idoneità alloggiativa – conclusasi, come noto, con la condanna del nostro Comune – con 10.000€ di spese legali più altrettanti da restituire alle famiglie (262€ per ciascuna pratica). Alle quali si aggiungeranno le spese per l’appello.

Rimane poi la discussione avvenuta su nostra richiesta in merito al seguente articolo di stampa  http://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/volantini-rovato-1.2682745. In esso si richiamano le pesantissime accuse (contenute in un volantino diffuso un paio di giorni prima della seduta consigliare) rivolte a tre assessori e a un consigliere comunale tutti di maggioranza in merito a presunti debiti che essi avrebbero con l’amministrazione comunale per cifre importanti. Dissociandoci totalmente dalla modalità utilizzata per fare questa denuncia (noi quello che abbiamo da dire lo diciamo in via ufficiale e non con volantini “anonimi”) abbiamo chiesto che sindaco e segretario comunale chiariscano. Questi debiti ci sono o non ci sono?

Delle due l’una: se la notizia fosse falsa i diretti interessati procedano legalmente contro chi si è permesso di giocare con la loro reputazione. Se la notizia corrispondesse invece al vero il sindaco e la maggioranza dovrebbero trarne velocemente le conseguenze. Le altre minoranze hanno condiviso questa posizione.

Per quanto ci riguarda siamo disponibili a che siano divulgati tutti i dati che riguardano le nostre posizioni personali nei confronti del Comune. Lo facciamo in nome di una trasparenza troppo spesso annunciata ma poco praticata”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...