Avis di Rovato: nel fine settimana assemblea annuale e rinnovo del Consiglio direttivo.

 dL’Avis di Rovato chiama a raccolta i suoi iscritti per l’assemblea annuale, quest’anno particolarmente importante, perchè prevede anche le votazioni per il rinnovo del Consiglio direttivo fino al 2020.

Appuntamento in via Camillo Golgi, 2, accanto al centro riabilitativo “Spalenza – Don Gnocchi”, dalle ore 17 di sabato.

Fino dalle ore 15 (chiusura seggi alle 19) si potrà invece votare per il rinnovo del Consiglio. Il seggio riaprirà poi domenica, dalle ore 8 alle ore 12.

In concomitanza con le votazioni, iscritti, simpatizzanti e semplici cittadini potranno anche vedere la mostra fotografica “Scopri il volontario che c’è in te”, curata da Massimo Alfano.

Il sodalizio guidato oggi da Giovanni Cicolari chiama alla partecipazione non solo gli iscritti (oltre un migliaio) dell’Avis di Rovato, ma tutta la popolazione, ribadendo l’importanza delle donazioni anche per il 2017, che sarà il 61esimo anno di vita del sodalizio rovatese.

EMERGENZA SANGUE – Proprio in merito alle donazioni, da una decina di giorni in mezza Italia è stata lanciata “l’emergenza sangue”. Il maltempo, unito al picco influenzale e ad altri fattori stagionali, “ha provocato un grave carenza di sangue in alcune regioni italiane, con oltre 2.600 unità di globuli rossi mancanti negli ospedali”. A dare l’allarme è stato il Centro nazionale sangue dell’Istituto superiore di sanità, che ha inviato alle strutture regionali per il coordinamento delle attività trasfusionali l’invito a raccordarsi con le associazioni di donatori per far fronte all’emergenza.

La regione con le maggiori carenze è il Lazio. Situazioni critiche si registrano in Abruzzo, Toscana, Campania, Basilicata, Liguria, Umbria, Marche, Lazio e Puglia. La mobilitazione, però,”deve riguardare tutte le regioni, sotto il coordinamento e la programmazione, anche in urgenza, delle Strutture regionali e del Centro nazionale sangue, non solo quelle che hanno carenze. L’autosufficienza per quanto riguarda il sangue, infatti, è sovraziendale e sovraregionale e in questi casi diventa vitale la compensazione coordinata tra regioni”.

La carenza di sangue, sottolineano le associazioni di donatori, “può mettere a rischio l’esecuzione di interventi chirurgici e di terapie per pazienti con malattie come la talassemia che necessitano di continue trasfusioni”. Per questo l’invito rivolto dal Centro a tutti i donatori “è contattare l’associazione di appartenenza o il Servizio trasfusionale di riferimento per programmare una donazione”.

“Le associazioni e federazioni dei donatori di sangue – sottolinea Aldo Ozino Caligaris, portavoce del Coordinamento interassociativo dei volontari italiani del sangue – devono intensificare la chiamata dei donatori periodici e associati sulla base di quanto concordato con le Strutture regionali di coordinamento attraverso una programmazione straordinaria per cercare di sopperire alle necessità contingenti. E’ inoltre fondamentale il coinvolgimento di nuovi volontari che possano garantire in maniera costante la disponibilità di emocomponenti, per assicurare la necessaria terapia trasfusionale ai cittadini che ne hanno bisogno”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...