Rovato: due giovani arrestati per rapina impropria al bar de La Girandola.

vvvUn furgone, due slot machine, un piede di porco, una macchinetta cambia soldi. E’ il bottino di due giovani di 20 e 17 anni, arrestati nella mattinata di martedì 17 gennaio a Rovato, nella zona del centro commerciale La Girandola.

Il 17enne, di nazionalità marocchina, era scappato il giorno dopo da una comunità della Franciacorta, rubando il furgone della stessa. Assieme al 20enne, kosovaro, hanno poi pensato di svaligiare il bar de La Girandola, portando via le macchinette slot.

All’arrivo dei carabinieri di Chiari hanno provato la fuga prima con il furgone, e poi a piedi. I carabinieri li hanno però fermati, dopo una colluttazione con il 20enne, mentre il 17enne è prima riuscito a scappare, per poi essere riacciuffato a poca distanza.

Si cerca ancora una terza persona.

I due sono stati arrestati per rapina impropria (il 17enne anche per il furto del furgone) e sono ora uno a Canton Mombello e l’altro al carcere minorile Beccaria di Milano.

Terremoto: da Rovato un aiuto per Esanatoglia (Macerata) con la Protezione Civile.

16114405_1092772597515787_8103071464455937245_n La Protezione Civile di Rovato non si è dimenticata di chi è stato – ed è – vittima del terremoto di agosto, e di ottobre, in Centro Italia.

E chiama alla solidarietà.

Il gruppo, capitanato da Roberto Barbera, ha lanciato una campagna di sostegno e di raccolta fondi per il sostentamento delle scuole di Esanatoglia, piccolo paesino (poco più di duemila anime abbarbicate nei colli attorno a Macerata, con un territorio esteso però il doppio di quello di tutta Rovato) colpito duramente dai fatti sismici del 2016.

L’obiettivo, attraverso la raccolta fondi, è quello di acquistare materiale didattico, audiovisivo e ludico.

Tutto il ricavato verrà consegnato direttamente dai volontari rovatesi della Protezione Civile entro la metà di febbraio.

Per ogni informazione e su come donare è sufficiente cliccare sull’immagine in alto a sinistra in questo post e trovare i riferimenti della Protezione Civile di Rovato.

Rovato: lavori in vista per il teatro. Ma è quello delle scuole medie di via Costituzione.

ingresso-medie-rovatoIl teatro delle scuole medie di via Costituzione a Rovato sotto i ferri.

L’Amministrazione comunale ha deciso di mettere mano alla struttura, ristrutturandola.

Per opera il Comune ha affidato il progetto, direzione lavori e il loro coordinamento, attraverso un’apposita delibera di Giunta Comunale.

L’incarico è andato all’architetto rovatese Luca Benedetti.

Ancora da stabilire con precisione la tipologia d’intervento, inserita all’interno di una delibera (la si trova cliccando qui) del 30 dicembre 2016 dall’investimento complessivo stimato di quasi 60mila euro, dato che comprende anche, per altre aziende, l’incarico per il servizio inerente la perizia di consistenza e stima dell’impianto di illuminazione pubblica (andato alla iENERGY di Brescia) e l’incarico per il servizio di verifica della vulnerabilità sismica degli edifici strategici e rilevanti (andato invece alla Progetto Servizi di Coccaglio).

I fondi sono stati reperiti attraverso l’avanzo di Amministrazione 2015 e l’avanzo economico 2016.

Per sapere di che tipo di intervento si tratti, sarà necessario aspettare le prossime settimane.

Ex Pretura: in via Castello a Rovato si cambia. Entro giugno arrivano gli uffici dell’Ats.

ex-pretura-rovatoCosì l’Amministrazione del Comune di Rovato rende noto la “nuova vita” dell’ex Pretura di via Castello, 33, di fronte alla Parrocchia Santa Maria Assunta: via il Giudice di Pace e la Protezione civile, arrivano gli uffici dell’Ats, l’ex Asl. Lavori al via nei prossimi giorni, conclusione attorno alla fine della primavera 2017, tra maggio e giugno.

Qui sotto, il comunicato del Comune di Rovato:

Con 200 pratiche all’anno, meno di 1 al giorno, il servizio del Giudice di Pace in Rovato non era più giustificabile. Sia dal punto economico, sia dal punto di vista del servizio stesso, evidentemente non più richiesto o non più riconosciuto/apprezzato dal cittadino. Tant’è vero che ad uno ad uno tutti gli uffici dei Giudici di Pace provinciali stanno trasferendo l’attività agli Uffici centrali dei Giudici di Pace dislocati presso il Tribunale di Brescia. Lo hanno fatto qualche tempo fa anche i Comuni di Salò e di Breno (quest’ultimo l’unico ufficio forse che aveva ancora ragione d’esistere, vista la notevole distanza rispetto al Tribunale di Brescia).

Continua a leggere

C.A.I. ROVATO: TRENT’ANNI DI MONTAGNA “INDIPENDENTE”.

15895403_1046764082136943_3325406626179344817_nTrent’anni di Cai, Club Alpino Italiano, a Rovato.

La sezione della capitale della Franciacorta, in questo 2017, festeggia le prime tre decadi di “autonomia”, essendo nata ufficialmente nel 1987. In realtà, già  a partire dal 1974 gli appassionati rovatesi di montagna avevano iniziato a incontrarsi, ma solo come sottosezione di Brescia, dato che per diventare “indipendenti” servivano 101 soci, raggiunti solo a fine anni Ottanta.

Una data comunque importante, che il Cai di Rovato, dalla sede di via Spalenza, 8, intende festeggiare con un ampio ventaglio di iniziative, uscite, gite e tanto altro ancora.

Per gennaio ci sono in calendario già due escursioni:

  • Domenica 15 gennaio: ciaspole; RIFUGIO ANTONIOLI m.1760 da Monno m.1250 (Valcamonica – Mortirolo)
  • Domenica 22 gennaio: ciaspole; RIFUGIO CALVI m.2006 da Carona m.1222 (Orobie)

Mercoledì 18 gennaio invece alla biblioteca comunale di Rovato incontro aperto a tutti. Tema: “In sicurezza sulla neve” (vedi foto).

Il ricco programma di uscite in montagna, con momenti pensati anche per adolescenti o “senior”, si trova sul sito www.cairovato.it