Scuola: il “Gigli” di Rovato dalle vette…all’Open Day di sabato 18 novembre.

vezza 1Istituto Lorenzo Gigli di Rovato: la scuola della vita nella scuola. La gioia di essere nel mondo e con il mondo. Mille appartenenze, colori, diversità, passioni, intelligenze per l’educazione alla pace e alla convivenza civile. Continua la sfida anche per quest’anno scolastico: attraverso la scoperta della bellezza, provvedere alla formazione di giovani ispirati, gioiosi, lavoratori e istruiti. Una grande festa che si ripete ogni giorno, quando, come sottolinea la Dirigente Scolastica Monica Franca Gozzini Turelli, “tutti noi del Gigli apriamo le porte ad un “banchetto” fatto di tutte le cose buone che possiamo offrire: tutti i nostri corsi di studio, la didattica multimediale e quella laboratoriale, la Biblioteca, centro propulsore di tanti progetti, le attività del coro, del giornalino, i gemellaggi con altre scuole non italiane, il teatro, il festival di fine anno e tanto altro.

Una scuola che si fa esperienza e condivisione, percorrendo, accanto alla didattica tradizionale, altri itinerari, per scoprire la grandezza della natura e ritrovare la dimensione del tempo. Come è accaduto durante le prime settimane di scuola, quando le classi seconde dell’istituto rovatese hanno vissuto una esperienza indimenticabile: divisi in gruppi di due classi ciascuno, composti da studenti mescolati dell’Ipsia e del Liceo, accompagnati dai propri insegnanti, i ragazzi, a turno, sono stati protagonisti di una lunga escursione di circa sei ore che, partendo da Vezza d’Oglio, li ha condotti, attraverso diverse tappe, a raggiungere il bivacco Saverio Occhi, situato in Val Grande presso il Parco dello Stelvio, a oltre 2000 metri di altezza. E così, a turno, 170 studenti nell’arco di due settimane, hanno potuto staccare dalla frenesia quotidiana, dai telefoni e dai social e riassaporare così il tempo, la lentezza, l’essere fuori dal mondo, ammirare la natura e il cielo in visione notturna.Gli studenti si sono divisi in gruppi, misti fra Ipsia, Licei ed Iefp, ed hanno studiato insieme scienze, geografia, hanno rivissuto la sofferenza degli alpini nelle trincee durante la prima guerra mondiale.

Continua a leggere

Annunci

Rovato: dalla Regione arrivano i fondi per il teatro-sala civica di piazza Garibaldi.

192mila euro – la metà di contributo, l’altra di finanziamento agevolato – da parte di Regione Lombardia per il nuovo teatro-sala civica di Rovato, che il Comune ha in progetto di realizzare attraverso un restyling dell’attuale “Sala delle Aste” del Foro Boario, in piazza Garibaldi.

Rovato ha ottenuto il cospicuo finanziamento da parte del Pirellone, che coprirà così buona parte dei costi preventivati dall’Amministrazione del sindaco, Tiziano Belotti, pari a 250mila euro.

Il progetto è già stato presentato e i lavori dovrebbero iniziare nei prossimi mesi, quando – cioè – arriveranno materialmente i soldi stanziati dalla Regione Lombardia.

Nel 2018, quindi, Rovato avrà una propria sala civica comunale, con duecento posti a sedere, aperta a incontri, rappresentazioni teatrali e proiezioni cinematografiche, a trent’anni, ormai, dalla chiusura degli storici cinema Corso (in corso Bonomelli) e Super (a fianco dell’oratorio di Rovato Centro), due strutture di fatto abbandonate da allora.

ROVATO: DAL 19 AL 26 NOVEMBRE UNA SETTIMANA CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Auser Insieme Rovato propone per il terzo anno consecutivo una serie di iniziative volte a sensibilizzare sulle tematiche legate alla violenza sulle donne.

“Condividere un’esperienza aiuta ad uscire dalla solitudine – dicono all’Auser -. Per questo abbiamo coinvolto parecchie associazioni presente sul territorio di Rovato e non solo, le quali apporteranno ciascuna il proprio contributo seguendo un programma che prevede una settimana di incontri”

Dal 19 al 26 novembre, seguendo il calendario che potrete vedere sulla locandina (clicca qui sotto) verranno proposte: mostre, momenti musicali di notevole valore, testimonianze, tavole rotonde, teatro e conferenze.

Gli eventi in calendario a Rovato: clicca qui

Rovato & Franciacorta: nuova edizione di “Di cantina in cantina”.

A Rovato e nel resto della Franciacorta si comincia a respirare aria di Festività natalizie.

Già dal Ponte dell’Immacolata (8 dicembre) le cantine Docg del territorio apriranno eccezionalmente i battenti.

“Visitare il nostro territorio – dicono al Consorzio di tutela del Docg – avvolto dai colori e dall’atmosfera dell’autunno inoltrato è un’esperienza unica: scoprite le cantine, le distillerie e i produttori tipici aperti durante il ponte dell’Immacolata Concezione per visite guidate, degustazioni e acquisti.

Per chi già pensa ai regali di Natale e ha bisogno di qualche giorno in più per la scelta, sono disponibili anche proposte soggiorno e benessere”.

Si può scaricare il documento con tutte le proposte cliccando sul link seguente:

 http://bit.ly/Franciacorta_Immacolata2017

Un burraco…solidale: serve per acquistare un defibrillatore all’asilo “Rovato Centro”.

Una serata in compagnia del burraco, il celebre gioco di carte, per un fine nobile: contribuire all’acquisto di un defibrillatore per la scuola dell’infanzia – asilo nido “Rovato centro”, in via IV Novembre.

Questo l’obiettivo del Torneo di bur­raco organizzato giovedì 16 novembre dal Lions club Rovato “Il Moretto” all’oratorio Don Bo­sco – Rovato Centro in via Sant’Orsola, 7.

Il programma prevede alle 19.30 l’accreditamento e buffet (si raccomanda la puntualità), e alle ore 20.00 l’inizio del torneo di burraco vero e proprio (info e iscrizioni:  335.8301732).

Costo di partecipazione: 15 euro.

Il Lions Club Rovato “Il Moretto” è stato fondato a Rovato nel 2015, è formato da sole donne ed è impegnato in attività a favore della famiglia, dei bambini e delle donne.

Come si legge sulla pagina Facebook de “Il Moretto”: “Il Lions Clubs International è l’organizzazione di club di assistenza più grande del mondo. Abbiamo 1,36 milioni di soci in oltre 46.000 club in tutto il mondo. I Lions sono ovunque: uomini e donne impegnati in progetti comunitari in oltre 208 Paesi.

Il Lions Club Rovato “Il Moretto” è di recentissima costituzione, è stato fondato nel 2015, ed ha una peculiarità: è formato da sole donne, tutte amiche per la verità, con disponibilità di tempo, molto attive, ricche di sensibilità e con la voglia di impegnarsi nelle realtà del nostro territorio”.

 

Microeditoria: anche il “Gigli” di Rovato protagonista alla rassegna libraria di Chiari.

Anche l’Istituto d’Istruzione Superiore “Lorenzo Gigli” di Rovato protagonista della Microeditoria di Chiari

«Per me Microeditoria è stata avere la possibilità di avvicinarsi alla lettura e ai libri. Libri nuovi e “strani”, di piccoli editori che pochi conoscono, ma che io ho avuto la possibilità di leggere per prima, come fosse un’anteprima». Questo il commento della studentessa Sara Vitari, che traduce perfettamente l’esperienza vissuta da un folto gruppo di alunni dell’Istituto Gigli di Rovato in veste di giuria per il premio Qualità sezione Giovani. Un percorso iniziato al termine dello scorso anno scolastico che si concluderà il 10 novembre in Villa Mazzotti, nel corso della 15esima edizione della Microeditoria di Chiari.

A giugno gli alunni del Gigli hanno preso visione del regolamento del concorso e durante l’estate hanno letto i libri proposti dal Comitato scientifico. Da ottobre, poi, si sono regolarmente incontrati il venerdì pomeriggio nella biblioteca d’Istituto, sotto la guida del professor Paolo Festa, presidente dell’associazione «Impronte», e del bibliotecario Mattia Lanzoni. Dal vivace e ampio confronto si è passati a selezionare e marchiare i libri. «Marchiare non significa semplicemente applicare un marchio al libro – ha spiegato Sara – ma riconoscerlo come un buon libro: scritto bene, con una trama originale e avvincente».

Come ha sottolineato Pietro Metelli, studente tra i più assidui del gruppo lettura, «l’esperienza che ci è stata offerta dalla Microeditoria è stata un’opportunità di crescita e di confronto comune in cui coniugare passione e impegno con l’approfondimento delle diverse tematiche proposte dai libri in concorso. La biblioteca dell’Istituto ha fatto da sfondo agli incontri settimanali, durante i quali gli studenti hanno potuto esprimere pareri e critiche costruttive, che si sono progressivamente affinate in vista di un forte e preciso apparato critico».

Continua a leggere

Manzo all’olio: un mese di menù ad hoc in ristoranti, trattorie e pizzerie di Rovato.

Per tutto il mese di novembre nei ristoranti di Rovato torna “Novembre mese del Manzo all’olio“, dedicato al piatto re dell’enogastronomia di Rovato e della Franciacorta.

Diverse le proposte messe in campo, sia dall’associazione Ristoratori Rovato che da altri locali della capitale della Franciacorta.

La proposta base prevede un menù a 25 euro con casoncelli bresciani, manzo all’olio tradizionale di Rovato con polenta, dolce, acqua, caffè e coperto (vini esclusi).

Non mancano comunque proposte alternative, con costi che variano (a seconda degli abbinamenti) dai 20 ai 30 euro.

Tutti i riferimenti sono nell’immagine allegata.