Rovato: a caccia di erbe spontanee…da mangiare a Castello Quistini

Alla scoperta delle erbe e piante spontanee commestibili a Castello Quistini di Rovato.

In passato la raccolta di erbe e piante spontanee commestibili da impiegare per la preparazione di piatti rappresentava la norma. Le erbe spontanee sono infatti conosciute fin dall’antichità e il loro utilizzo in cucina o per fini medici è un patrimonio ereditato e tramandato fino ai giorni nostri, probabilmente negli ultimi decenni abbandonato, ma che proprio negli ultimi anni viene riscoperto, complice l’amore per la natura e le passeggiate soprattutto per chi è abituato a vivere in città. Domenica 11 Marzo dalle 14,30 alle 17,30 presso Castello Quistini passerete un pomeriggio a imparare a conoscere e riconoscere le principali infestanti presenti in natura e per imparare ad utilizzarle come erbe officinali e in cucina. In natura esiste ad esempio il “Centocchio”, noto anche come “Paerina”, erbacea diffusa praticamente ovunque nel nostro paese e definita come erba infestante, può essere utilizzata contro il prurito e l’eczema e viene indicata anche per disturbi come la bronchite.

Continua a leggere

Annunci

Informagiovani: dopo mesi di stop riparte il servizio. Appuntamento alla biblioteca di Rovato.

Riapre a Rovato il servizio Informagiovani dopo l’inaugurazione ufficiale di sabato 17 febbraio.

Un’operatrice sarà presente presso l’aula corsi della biblioteca comunale “Cesare Cantù” di corso Bonomelli, 37, accanto all’aula studio, per fornire informazioni e guidare i giovani nella scelta dei percorsi accademici e professionali.

“È un altro tassello importante – hanno detto gli assessori Simone Agnelli e Sonia Bosio – del lavoro del tavolo Giovani, che si affianca ai corsi di aiuto compiti delle scuole medie e ad altre inziative che nei prossimi mesi vedranno la luce, sempre nell’ambito dei giovani di Rovato.

L’Informagiovani resterà aperto tre giorni alla settimana.

Ecco i giorni e gli orari:
lunedì dalle 10 alle 13.
martedì dalle 14:30 alle 16:30
venerdì dalle 15 alle 17.

Rovato: tentata spaccata all’edicola di viale Battisti. Ladri in fuga senza bottino

Ladri in azione nel fine settimana contro l’edicola, cartoleria e fumetteria del viale della Stazione di Rovato, in viale Cesare Battisti, 101, gestita dall’ex assessore (giunta Martinelli) Daniele Lazzaroni.

Vetri di una porta esterna rotti e una grata sollevata dal terreno con dei pezzi di legno, evidentemente per cercare di entrare dentro il negozio.

Un piano sventato però dall’allarme, che ha individuato i malviventi, costringendoli così alla fuga, prima dell’arrivo dei carabinieri, che ora indagano, anche con l’ausilio di alcune telecamere della zona.

“Alla banda – ha scritto Lazzaroni su Facebook – che ha cercato per l’ennesima volta di penetrare nel negozio voglio dire che oltre a matite, patatine e fumetti all’interno non trovano nient’altro! Grazie ai carabinieri!”.

L’edicola, cartoleria e fumetteria del viale della Stazione di Rovato, nonostante il brutto fine settimana, è regolarmente aperta.

Franciacorta: una primavera a tutto sport. Rovato lambita dal Giro d’Italia, attraversata dalla Mille Miglia.

La Franciacorta sarà protagonista del 101/mo Giro d’Italia, con una tappa a circuito che si svolgerà mercoledì 23 maggio. La tappa, però, non toccherà Rovato, impegnata comunque in primavera con due importanti iniziative sportive: sabato 19 maggio il passaggio della storica Mille Miglia, questa volta a Lodetto di Rovato, e quello (domenica 22 aprile) della 500 Miglia Touring

Tornando ai ciclisti, sarà la prima volta che la nostra terra di grandi vini Docg farà da scenario al Giro. Lo annunciano, in una nota congiunta, il Consorzio Franciacorta e la Strada del vino Franciacorta nel precisare che Franciacorta Stage – così sarà chiamata la tappa – toccherà Ome, Rodengo Saiano, Paderno Franciacorta, Bornato, Cazzago S. Martino, Erbusco, Corte Franca, Iseo, Provaglio d’Iseo, Monticelli Brusati, Passirano, Corte Franca e arriverà a Iseo.

Il Giro, sottolineano Strade del vino e Consorzio delle rinomate bollicine, “sarà un’occasione straordinaria per la Franciacorta, le sue cantine e i suoi operatori turistici, per farsi conoscere e apprezzare da un pubblico nazionale e internazionale, come è stato per il grande progetto di The Floating Piers dell’artista Christo nel 2016. Tutta la Franciacorta si tingerà di rosa e sarà animata nei giorni precedenti la tappa dalla serie di eventi di Aspettando il Giro”.

Tornerà poi in giugno il cartellone di appuntamenti che richiama da anni in Franciacorta, all’inizio dell’estate, migliaia di wine lover italiani e stranieri. Si tratta del Franciacorta Summer Festival che prenderà il via dall’1 al 3 giugno. Ristoranti, trattorie, agriturismo, winebar della Strada del Franciacorta proporranno per l’occasione il loro personalissimo Menu Festival, creato utilizzando prodotti del territorio.

Auser Rovato: sabato si presentano i corsi della primavera con il regista Elia Moutamid.

Riceviamo e pubblichiamo dall’Auser di Rovato:

Sabato 17 febbraio presso la sala Monsignor Zenucchini in via Castello, 32 a Rovato alle ore 20,30 avrà luogo l’inaugurazione dei corsi Auser Rovato Primavera 2018 con un personaggio che molti non conoscono ancora.

Elia Moutamid è un regista di 33 anni, nato a Fez nel Marocco e trasferito in Italia, a Rovato, con la sua famiglia quando aveva pochi mesi. Come lui stesso ama raccontare ha assorbito due culture vivendo a Rovato, frequentando l’asilo, l’Oratorio, le medie fino al Liceo Lorenzo Gigli, mentre in famiglia respirava la sua cultura.

La passione per il cinema gli è venuta in giovane età perché il desiderio di narrare per immagini gli ha aperto una prospettiva diversa anche nel racconto della sua storia. A cavallo di due mondi la visione si frammenta e diventa molto interessante condividere punti di vista, tradizioni, emozioni.

Elia è risultato finalista in oltre 120 film festival, ha vinto 30 premi fra i quali il prestigioso Torino Festival del 2017 con il cortometraggio Talien. E’ consapevole che oltre a denunciare la frizione sociale, il cinema e l’arte possono davvero fare qualcosa per avvicinare individui appartenenti a culture diverse. Nelle scuole si dovrebbe insegnare ad analizzare il linguaggio del cinema: vedere tanti film potrebbe essere una soluzione per sgretolare i pregiudizi.

Le immagini aiutano ad immedesimarsi e favoriscono l’incontro. I corti di Elia ci mettono a nudo poiché emergono quegli stereotipi di cui è imbevuta la nostra cultura occidentale.

Guardare i suoi corti, così fulminanti nel loro messaggio, ci apre ad altri mondi. Elia dice di amare i film che riescono ad aprire altre porte, a varcare limiti con ironia e toni leggeri. Mettersi sulle tracce delle proprie radici e raccontarle è il modo migliore per favorire un incontro sincero con il prossimo. E’ ciò che desidera fare come regista. Auser è lieta di essere portatrice di una cultura inclusiva ed intergenerazionale dove lo sguardo sull’altro non sia solo giudizio frettoloso, ma anche analisi di emozioni, sentimenti e cura del proprio essere al mondo.

Durante la serata verranno proiettati due corti: KLANdestino e Gaiwan.

Ragazza investita e morta in stazione FS a Rovato: treni fermi

Circolazione ferroviaria bloccata a metà mattinata nella stazione FS di Rovato.

Una ragazza, verso le 10.15, è rimasta investita da un locomotore, per cause ancora tutte da accertare.

La giovane, di 35 anni e residente nella vicina Coccaglio, è deceduta.

L’incidente riguarda il terzo binario, a pochi passi dal sottopassaggio e di fronte al bar Stasiu.

Non è chiaro se si tratti di un gesto volontario, come dai primi elementi si potrebbe supporre data la dinamica, oppure di un incidente. A poca distanza dalla stazione, verso Coccaglio, si trova fermo un locomotore, quello coinvolto – suo malgrado – nell’incidente, avvenuto a metà mattinata di mercoledì 14 febbraio.

La circolazione risulta bloccata da e per Rovato.

Ancora Carnevale: oggi i carri di Erbusco. Gita fuori porta anche da Rovato.

Dopo il Carnevale di Rovato, arriva quello di Erbusco con la sua sfilata di carri allegorici, dalle ore 14.00 in via Verdi: una tradizione della Franciacorta, nata nel 1954, e partecipata anche da tanti cittadini di Rovato.

L’ingresso è libero. I carri sfileranno dalle ore 14 alle ore 18, quando la giuria proclamerà i vincitori. In mezzo tanta musica, stand enogastronomici e giochi per bambini e famiglie.

A organizzare l’evento, per l’undicesimo anno di fila, è l’Associazione “Arlecchino nel Paese delle Bollicine”, sodalizio senza scopo di lucro istituito nel 2007 per continuare la tradizione del Carnevale di Erbusco evento nato nel 1954 grazie alla “Compagnia del Buon Umore” che, purtroppo, nel tempo ha perso i Suoi promotori.

Così nasce L’Associazione “Arlecchino nel Paese delle Bollicine”!!! … il cui nome si basa su 2 aspetti: Arlecchino perché è una delle maschere più rappresentative del Carnevale …nel Paese delle Bollicine perché Erbusco è il “cuore pulsante della Franciacorta”, sede di numerose cantine e del Consorzio Franciacorta!

“Oggi l’Associazione – dice il presidente, Angelo Saderi – composta ufficialmente da 11 membri e altri volontari, è orgogliosa di aver dato nuovamente vita a questa manifestazione, cara non solo al nostro paese, ma anche all’hinterland bresciano vantando una elevata partecipazione ed interesse rientrando anche nel Circuito dei Carnevali Bresciani.

E’ fondamentale, infine, sottolineare che la macchina complessa del Carnevale si muove anche grazie a tutte le Associazioni di Volontariato presenti sul territorio”.

Chi non potesse essere a Erbusco, può seguire la diretta video anche su online cliccando qui