Rovato: domenica 16 settembre Lo Sbarazzo spegne 25 candeline.

Domenica 16 Settembre torna Lo Sbarazzo di Rovato – Mercato degli sconti dei negozianti di Rovato: dalle 9 alle 19 una giornata di shopping a prezzi d’occasione, relax, intrattenimento per bambini, lo spiedo in piazza, le visite guidate di Scopri Rovato e tanto altro ancora, nella cornice di Piazza Cavour e delle vie del centro storico, con

L’appuntamento di settembre 2018 è il numero venticinque per Lo Sbarazzo, che si prepara a mettere in campo un’edizione con i fiocchi. Oltre alla grande offerta commerciale di qualità, a prezzi scontati per l’occasione, ci sono infatti in calendario almeno tre appuntamenti collaterali da non perdere.

L’associazione Arte Con Noi organizza, gratuitamente, laboratori creativi per bambine e bambini, negli orari centrali di mattina e pomeriggio, con sculture tattili e tanto altro ancora.

Alle 15 e alle 16.30 ci sarà invece ScopriRovato, due visite guidate gratuite per scoprire il meglio del centro storico di Rovato, da piazza Cavour (ritrovo sotto l’Arco del Vantini, gratuito), Parrocchia, Mura Venete, Spalti, Municipio, Castello, Oratorio della Disciplina e tanto altro ancora.

Infine per i più golosi, a pranzo, lo spiedo bresciano con il ristorante La Loggia di Rovato.

Continua a leggere

Annunci

Rovato: trent’anni di vignette in mostra con Giampaolo Belotti

Vignette satiriche, storiche, umoristiche.

Trent’anni di lavoro tutto made in Rovato in mostra sabato, 15 settembre, al Rivellino di piazza Cavour con l’artista rovatese Giampaolo Belotti.

Appuntamento dalle ore 19.

BELOTTI – Ma chi è Giampaolo Belotti?

Lo dice lui stesso, nella biografia presente sul sito internet ufficiale, http://www.giampaolobelotti.it:

“Giampaolo Belotti Benedetti è nato a Rovato (BS) il 23 maggio 1954. Durante il periodo della scuola media inferiore frequenta, contemporaneamente, la Scuola di disegno F.Ricchino di Rovato, diretta a quel tempo dal M° Marte Morselli. Successivamente consegue la maturità artistica presso il Liceo Artistico di Bergamo. Negli anni 79-80-81 insegna presso la scuola di disegno F. Ricchino di Rovato. Si occupa di grafica pubblicitaria e umoristica. Abile caricaturista, espone da 1972, partecipa a collettive personali in Italia e all’estero. Nel 1985 pubblica “L’APERTURA” libro di vignette umoristiche ispirate all’ape, non intesa come insetto, ma, come personaggio o soggetto/oggetto.

Nel 1989 partecipa alla prima Biennale di Franciacorta. Durante la primavera e l’estate 1990 illustra due libri editi dalla Casa Editrice Aperion (BS), uno di poesie e l’altro di novelle umoristiche. Nel maggio 1990 partecipa, su invito, alla prima mostra intitolata “Torino Fax Art” curata dal noto critico d’Arte Vittorio Sgarbi. Sempre nel 1990, a Natale, espone alla prima mostra d’Arte Sacra “Se Cristo tornasse”, allestita alla Pavoniana di Brescia.

Poi….

Continua a leggere

Rovato: i sindacati lasciano il tavolo di trattativa sul futuro di Pasta Zara.

Nessun spiraglio positivo sul futuro del gruppo Pasta Zara, che occupa a Rovato 114 lavoratori e lavoratrici nel pastificio di via XXV Aprile.

“Nessun dettaglio utile a chiarire il quadro in più rispetto a quelli già noti e dunque un pacchetto di informazioni ritenute ancora insufficienti”. Per questo le segreterie degli agroalimentari di Cgil, Cisl e Uil, convocate ieri, giovedì, a Treviso per un incontro con i vertici di Pasta Zara, hanno abbandonato il tavolo. “Torneremo – hanno detto – solo quando verrà presentato un investitore e quando, assieme all’azienda, saranno pronti a formalizzare un piano industriale serio che contenga anche le dovute rassicurazioni sul futuro dell’occupazione e dei tre siti produttivi” di Rovato (Brescia), Riese San Pio X (Treviso, la sede centrale) e Muggia (Trieste).

 “Non si può giocare sulla pelle dei lavoratori – concludono i sindacati – chiediamo chiarezza e risposte certe, anche ai soggetti istituzionali coinvolti”.

Pasta Zara, colosso della pasta, è in concordato preventivo fino all’8 ottobre e deve trovare, entro quella data, una soluzione utile per uscire da una situazione (clicca qui) di difficoltà. Pasta Zara ha tre settimane per presentare al Tribunale di Treviso un progetto di accelerazione economica e di gestione dei debiti tale da ottenere il consenso dei creditori e scongiurare così il rischio del fallimento

 

Lotto: gioca 4,50 euro e ne vince 22.500. La fortuna bacia Lodetto di Rovato.

Giocata fortunata per un anonimo, e fortunato, giocatore (o giocatrice) del Lotto a Rovato.

A renderlo noto Agipronews, agenzia di stampa specializzata in giochi e scommesse.

Un 7 Doppio Oro – scrive l’agenzia – da 22.500 euro premia un fortunato giocatore di Rovato, in provincia di Brescia, che ha giocato 4,50 euro su un’estrazione frequente del 10eLotto.

Nell’ultimo concorso sono state centrate anche quattro vincite da 20mila euro: un 7 Doppio Oro a Bargagli (CE), un 9 a Ceva (CN), un altro 9 a Ferentino (FR) e un 8 Doppio Oro a Mesola (FE)”.

Per il fortunato rovatese, quindi, il modo migliore per salutare la fine dell’estate e guardare con meno malinconia all’autunno ormai incombente.

Rovato: onorevoli e (tanti) militanti allo spiedo della Lega Nord.

Spiedo “padano” domenica scorsa al Foro Boario di Rovato con le sezioni della Lega Nord di Rovato e Coccaglio.

Così il segretario rovatese del Carroccio, e  consigliere comunale, Stefano Venturi, riassume la giornata, che ha visto la presenza in Franciacorta di diversi onorevoli ed esponenti nazionali del partito, oggi al governo con il Movimento 5 Stelle:

“La grande festa è stata organizzata dalla sezione della Lega Nord Rovato e Lega Nord Coccaglio al Foro Boario a Rovato.

Tantissime le persone di Rovato e molte dai paesi limitrofi, sono stimate quasi mezzo migliaio di persone.

Tra gli ospiti anche Stefano #Candiani, sottosegretario del #MinisteroInterno. Presenti poi molti politici, il deputato Paolo Formentini, Alessandro Morelli, l’europarlamentare Oscar Lancini e Toni Iwobi. Hanno detto “Sì” all’appello anche Federica Epis e Simona Bordonali, Marco Casucci (consigliere regionale della Toscana) e Il mitico Roberto Marcato dal Veneto, da Bergamo Il deputato Cristian Invernizzi.

Intervenuto anche il senatore #UMBERTO #BOSSI.

In ricordo di Silvia Cavalli. E’ una scomparsa che fa male la sua, troppo. I suoi più cari amici non avrebbero potuto non ricordarla. Durante lo spiedo c’è stato anche un minuto di silenzio per la 30enne Silvia Cavalli, la militante di Chiari scomparsa nella notte tra giovedì e venerdì dopo aver combattuto con la malattia. L’ex consigliere comunale clarense è stata ricordata da Oscar Lancini e da Alex Sirani della Lega Coccaglio.

Come segretario della Lega Nord Rovato, sono felice dell’ottima riuscita dell’evento per le molte presenze, molti cittadini hanno avuto l’occasione di confrontarsi con gli eletti nelle istituzioni, questo per far capire la vicinanza dei politici della Lega al territorio”.

Pasta Zara: niente accordo per il futuro dei lavoratori di Rovato.

Resta appeso a un filo il futuro degli oltre cento lavoratori e lavoratrici di Pasta Zara a Rovato.

Nulla di fatto oggi a Treviso nel tavolo fra i vertici di Pasta Zara e le segreterie nazionali e provinciali degli alimentaristi di Cgil, Cisl e Uil, convocato per discutere della proposta avanzata nei giorni scorsi dalla società, in concordato preventivo, sulla riduzione retributiva dei dipendenti di Rovato (Brescia), Riese Pio X (Treviso) e Muggia (Trieste).

Lunedì scorso le assemblee dei lavoratori avevano respinto le richieste di rinunciare alla 14/a mensilità e ai premi di risultato per i prossimi cinque anni, al fine di sostenere un piano industriale di rilancio che dovrebbe portare l’azienda, a regime, a produrre 400 mila tonnellate l’anno di pasta contro le 280 mila attuali.

Un nuovo incontro è stato fissato per giovedì prossimo, 13 settembre. Entro l’8 ottobre Pasta Zara dovrà presentare al Tribunale di Treviso un progetto di accelerazione economica e di gestione delle esposizioni tale da ottenere il consenso dei creditori e scongiurare così il rischio del fallimento

Rovato: paese stretto nel dolore per la morte del piccolo Luca.

Rovato si ferma, stasera e domani, sabato, per l’ultimo saluto a Luca Condò, il ragazzino di 12 anni morto mercoledì all’ospedale Civile di Brescia per un violento attacco d’asma.

I genitori, Ivano Condò e Mara Ferrari, hanno deciso di concedere ai medici dell’Ospedale Civile di Brescia – dove Luca era stato portato d’urgenza dal “Mellini” di Chiari, in un estremo tentativo di salvargli la vita – di espiantare per la donazione gli organi del ragazzino, che aveva anche una sorella, la 17enne Valentina.

Stasera, venerdì, la veglia di preghiera, nell’abitazione di famiglia, al civico 9 di via Adamello.

Domani, sabato pomeriggio, i funerali, alle ore 16 nella Parrocchia Santa Maria Assunta.