Rovato: anziani a teatro con le truffe.

 A teatro con i ladri di sogni: quelli che truffano, o cercano di truffare, gli anziani, anche a Rovato.

L’appuntamento è per mercoledì pomeriggio, alle ore 15.30, alla casa di riposo di Rovato, ma è aperto non solo agli utenti.

Organizza l’associazione “Non solo pensionati” di Brescia.

E’ possibile anche richiedere il trasporto dalla propria abitazione fino alla casa di risposo Lucini Cantù di via San Martino della Battaglia grazie alla collaborazione dell’associazione “Amici della casa di riposo”, contattabile telefonicamente al numero 348.7424525.

Dopo lo spettacolo teatrale, si riceverà, come ricordo della giornata, il “Passaporto antitruffa” con tutti i consigli utili per evitare gli inganni dei malintenzionati: dai finti operatori di gas, acqua e luce a chi chiede soldi per fantomatici incidenti stradali, in realtà mai avvenuti.

Annunci

Non solo Rovato: Legambiente a fianco del “Bosco Di Lorenzo” nato a Zocco d’Erbusco.

Da Legambiente nazionale un appello a difesa del Bosco Di Lorenzo, nato a Erbusco e a cui partecipano anche diversi cittadini di Rovato:

“Il Bosco di Lorenzo è un progetto di bosco diffuso nato nel 2015 in seguito alla scomparsa di Lorenzo Corioni, volontario di Legambiente originario proprio di Erbusco. Grazie all’impegno dei familiari e amici di Lorenzo e a quello di Legambiente Lombardia e di Legambiente Brescia, il bosco è oggi arrivato a contare oltre 5.000 alberi piantati in tutta la Lombardia.

“Era un regalo che volevamo fare alla comunità che ci è stata molto vicina in questi anni – spiega Mario Corioni, papà di Lorenzo – E proprio la comunità ha contribuito a costruire questo bosco piantando ogni anno alberi per farlo crescere. Per noi ha un grande significato ambientale ma anche emotivo”.

Il sindaco di Erbusco vuole sradicare 100 alberi proprio a Zocco, dove il bosco è nato, per far posto a un nuovo capannone industriale. In seguito alla notizia, in queste settimane è partita la mobilitazione per la difesa del bosco e anche Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente e Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia hanno oggi pomeriggio preso partea Erbusco per spiegare l’importanza del progetto del bosco e per unirsi alla difesa degli alberi piantati a Zocco: “Per noi non è solo una vertenza del circolo locale di Erbusco, ma è una vertenza nazionale – spiega Stefano Ciafani, presidente di Legambiente –Vogliamo fermare il progetto incomprensibile dell’amministrazione comunale di sradicare degli alberi da un luogo della memoria in una zona simbolo della rigenerazione urbana che deve fermare l’avanzare delle industrie e difendere l’abitato di Erbusco, minacciato dall’ennessimo impianto di trattamento dei rifiuti in provincia di Brescia”.

Continua a leggere

Rovato: si parla di fine vita con Raffaele Mantegazza.

A Rovato stasera, lunedì, si parla di fine vita con l’associazione bresciana cure palliative “Maffeo Chiecca”, da trent’anni impegnata sui delicati temi del fine vita.

Alle ore 20.30, al teatro di via Castello, 32 dedicato a monsignor Luigi Zenucchini arriva il noto pedagogista Raffaele Mantegazza, autore di decine di libri e scritti oltre che storico docente di Scienze umane e pedagogiche all’Università di Milano – Bicocca.

Tema dell’incontro, “Nel mio partire: parole, gesti e silenzi per stare a fianco del morente“.

Ingresso libero.

CHI E’ MANTEGAZZA – Raffaele Mantegazza è professore associato di Pedagogia interculturale presso la facoltà di Scienze dell’educazione dell’Università di Milano Bicocca. Cura progetti di formazione per insegnanti ed educatori e realizza consulenze individuali e di gruppo per genitori, maestri, giovani. Ha creato da qualche anno un progetto di studio denominato “pedagogia della resistenza”. Ha pubblicato tra l’altro Filosofia dell’educazione (Milano, 1988), Pedagogia della morte (Troina, 2004), Pensare la scuola (Milano, 2006, con Gabriella Seveso).

 

2019: cosa fare a Rovato (secondo gli utenti di Tripadvisor)

Cosa fare, cosa vedere e dove…mangiare (e bere) a Rovato nel 2019?

Gli utenti di Tripadvisor, il celebre portale web di viaggi nato nel 2000 e  che pubblica le recensioni degli utenti riguardo hotel, B&B, appartamenti, ristoranti e attrazioni turistiche, hanno stilato la loro classifica (sempre in aggiornamento, ovviamente) relativa alle attività da non perdere nella capitale della Franciacorta.

In testa, con un voto di 4,5 su 5 (e una trentina di recensioni) c’è una visita al Convento dell’Annunciata, sul Monte Orfano, di proprietà dell’ordine dei frati Servi di Maria ma gestito, da qualche mese, dalla Fondazione Vittorio e Mariella Moretti, parte del blasonato gruppo vitivinicolo (Bellavista e Contadi Castaldi, per fare due nomi).

Al secondo posto, con un voto di 4 su 5 (ma un numero maggiore di recensioni, ben 63) c’è Castello Quistini, la tenuta di via Sopramura che ospita eventi privati (matrimoni, etc) ma pure importanti iniziative pubbliche, come corsi, kermesse dedicate ai fiori e al benessere e molto altro ancora.

Sul terzo gradino del podio, infine, c’è la chiesa – santuario di Santo Stefano, ai piedi del Monte Orfano, uno dei luoghi di più antica devozione popolare di Rovato.

Seguono un mix di monumenti, spazi pubblici e locali privati.

Una dozzina quelli che hanno ricevuto recensioni, per lo più positive.

A fine 2019, Rovato.org controllerà la classifica aggiornata, per capire chi sale…e chi scende.

Rovato: un’…Oasi per anziani in via Caratti.

  Una nuova proposta per la terza età, una delle fasce di popolazione, assieme ai bambini, più numerosa a Rovato.

Il Centro Aperto per Anziani “Oasi”, gestito dal Comune nei locali diia Caratti, 46, invita gli anziani parzialmente autosufficienti che desiderino
trascorrere del tempo in compagnia, in un ambiente sicuro gestito da una cooperativa specializzata del settore, a farsi avanti, fissando un appuntamento con l’assistente sociale, per trascorrere attivi e in compagnia le ore della propria giornata, ogni martedì e giovedì pomeriggio, dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

Il  costo mensile del servizio  è di 40 euro, con la possibilità di usufruire del trasporto da e per il centro di via Caratti, a pochi passi dalla Torre dell’Acquedotto di corso Bonomelli.

Per informazioni e per fissare l’appuntamento contattare l’Ufficio della Pubblica Assistenza del Comune di Rovato al numero telefonico 0307713276

Rovato e non solo: Cogeme porta in Franciacorta il geologo e volto tv Mario Tozzi.

Riparte, dopo la sosta natalizia, il Festival Carta della Terra, organizzato da Fondazione Cogeme Onlus con numerosi partner privati e pubblici, compreso il Comune di Rovato.

A pochi passi da Rovato, per la precisione al teatro Rizzini di Cazzago San Martino, giovedì 17 gennaio arriva un ospite particolarmente noto, anche al pubblico televisivo: il geologo Mario Tozzi.

L’appuntamento è per giovedì 17 gennaio, alle 20.30, in via Duomo 2 a Cazzago San Martino. La serata è a ingresso libero e continua nel solco dei precedenti incontri sugli elementi della vita.

Dopo Fuoco e Terra, ora tocca all’Acqua.

Introducono la serata il Sindaco di Cazzago San Martino, Antonio Mossini, il Presidente di Fondazione Cogeme Gabriele Archetti e il Presidente di Acque Bresciane, Gianluca Delbarba.

Mario Tozzi è Primo Ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Istituto di Geologia Ambientale e Geoingegneria). È autore di oltre 50 pubblicazioni scientifiche su riviste italiane e internazionali, di oltre 50 comunicazioni a congressi nazionali e internazionali, di guide geologiche e di dispense per i corsi universitari. Dal 2006 al 2011 è stato Presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed è membro del Consiglio Scientifico del WWF. E’ saggista e ospite di numerose trasmissioni televisive, soprattutto sui canali della televisione pubblica.

Rovato: scomparso “Stringa”, storico volontario dell’oratorio San Giovanni Bosco.

Scomparso a Rovato “Stringa”, storico volontario dell’oratorio San Giovanni Bosco di via Sant’Orsola e in particolare del bar.

Gianfausto Verzeletti, 74 anni, è morto alla Fondazione Don Gnocchi, dove si trovava da qualche tempo.

Stasera, venerdì, la veglia funebre. Domani, sabato, i funerali: ritrovo alla Don Gnocchi alle 14.45. Alle 15 le esequie alla Parrocchia Santa Maria Assunta.

Al posto dei fiori, richieste offerte all’oratorio di Rovato centro, dove “Stringa” ha trascorso buona parte della propria vita, accompagnando – tra un caffè e un sacchetto di caramelle – la gioventù di diverse generazioni di rovatesi.