Goletta dei laghi: l’acqua del Sebino è ok. Il rischio delle microplastiche.

legambiente goletta dei laghi iseo 2019Goletta dei laghi di Legambiente ha iniziato il proprio tour di monitoraggio dal lago d’Iseo, teatro di tante gite e soggiorni per i residenti di Rovato e Franciacorta.

Di seguito, il comunicato di Legambiente:

Una situazione positiva delle acque del lago, con una particolare attenzione tuttavia alle microplastiche, ai depuratori e ai rifiuti in spiaggia.

È questo, in estrema sintesi, il bilancio del monitoraggio microbiologico realizzato dai tecnici della Goletta dei Laghi nei giorni scorsi, in occasione dell’arrivo sul Lago d’Iseo della campagna di Legambiente, realizzata in collaborazione con il CONOU (Consorzio nazionale per la gestione, raccolta e trattamento degli oli minerali usati) e Novamont.

Da 14 anni la Goletta dei Laghi rileva le principali fonti di criticità per gli ecosistemi lacustri: gli scarichi non depurati e inquinanti, la cementificazione delle coste, la captazione delle acque, l’incuria e l’emergenza rifiuti, in particolare l’invasione della plastica, che non riguarda soltanto mari e oceani, ma anche fiumi e laghi.

I risultati del monitoraggio sono stati presentati stamane a Castro (Bergamo) nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato Barbara Meggetto, presidente di Legambiente Lombardia, Massimo Rota, presidente del circolo Legambiente Alto Sebino, Simone Nuglio, responsabile della Goletta dei Laghi, Simona Rossetti, prima ricercatrice dell’Istituto Irsa – Cnr e Dario Balotta, presidente del circolo Legambiente Basso Sebino.

Continua a leggere

Rovato: controlli notturni della Polizia Locale. Saltano patenti e…profumi contraffatti.

polizia locale rovato controlliDal Comune di Rovato:

“Notte di controlli della Polizia Locale tra sabato e domenica notte.

I controlli mirati voluti dall’amministrazione comunale, per migliorare la sicurezza stradale visti gli incidenti verificatisi di recente, volti soprattutto alla prevenzione della guida in stato d’ebbrezza, hanno dato risultati soddisfacenti.

Due i conducenti trovati fuori dai limiti previsti, uno trovato alla guida di un auto senza aver mai conseguito la patente e uno trovato alla guida di un veicolo già sottoposto a fermo.

Tra i veicoli controllati, uno aveva a bordo 50 profumi contraffatti che avrebbero fruttato alcune migliaia di euro. I profumi sono stati sequestrati e il conducente del veicolo denunciato per il possesso di prodotti con marchi contraffatti.

Presente anche l’assessore alla sicurezza Bosio PierItalo e il consigliere comunale Venturi Stefano”.

“Cinema sotto le stelle”. Mercoledì iniziano le proiezioni a Rovato.

 cinema all'aperto 2019 rovato franciacortaTorna a Rovato per l’estate 2019 il “Cinema sotto le stelle”, ormai una tradizione nella capitale della Franciacorta.

Appuntamento ogni mercoledì, dal 3 al 31 luglio: cinque proiezioni, quattro delle quali nella centrale piazza Cavour, recentemente liberata dalla fila centrale di parcheggi, mentre l’ultima, mercoledì 31 luglio, si terrà all’oratorio di viale Cesare Battisti, sul viale della Stazione, nella zona sud della cittadina.

I film iniziano alle ore 21.15.

In caso di pioggia, trasferimento nella sala civica del Foro Boario, in piazza Garibaldi.

Cliccando sulla locandina i nomi dei film scelti da “Cinema sotto le stelle”, iniziativa organizzata dal Comune. Ingresso gratuito per i cittadini rovatesi.

MOTORI: MANUEL ROCCA DA ROVATO…AL TERZO POSTO DEL CAMPIONATO EUROPEO.

manuel rocca rovato moto battigasTerza sfida superata per Manuel Rocca, giovane e talentuoso centauro di Rovato. Il lodettese “Battigas” si è cimentato – a fine giugno – nel nuovo appuntamento di gara Europeo.

Il giovane franciacortino ha corso, infatti, al Pannonia-Ring nella splendida cornice della nazione ungherese, nella categoria SSP300 Alpe Adria. Manuel in Gara 1 si è posizionato 3° sia in Classifica Generale sia nell’ Europeo che nel Campionato Ceco. Meno fortunata Gara 2 dove Manuel è stato vittima di una caduta che cambia ben poco il suo brillante percorso. Chiamato dai cronisti sportivi – che seguono L’Alpe Adria – “Italian Matador”, il ragazzo sta davvero brillando nelle competizioni europee.

Battigas ha affrontato una pista davvero diversa da tutte le altre. Bella, quanto difficile, fatta apposta per le moto, totalmente priva di guard-rail e caratterizzata da abbondanti vie di fuga, in ghiaia o di prato. Tra una e l’altra delle 17 curve in cui si snodano i suoi 4.740 metri si è sempre in piega. I rettilinei, tolto quello principale di circa 800 metri, sono tutti piuttosto brevi. Per andare forte qui non bisogna far precedere l’inserimento in curva da frenate importanti. Il segreto, al contrario, è lasciar scorrere e abituarsi a non cercare a ogni i costo gli inesistenti punti di riferimento.

Queste le dichiarazioni a fine gara di Manuel: “Gara 1 è stata davvero emozionante, ho lottato sino alla fine e i risultati si sono visti. In Gara 2 ho avuto un problema – alla partenza – con il cambio ed ho cercato di recuperare, da subito, sul gruppo dei primi spingendo forte. Purtroppo, alla quinta curva, ho perso l’appoggio della ruota anteriore finendo a terra. Nessuna botta e nessun dolore, solo il rammarico poiché poteva sicuramente essere una bella battaglia visto i tempi che stavo registrando, più alti rispetto a Gara 1. Partirò ancora più motivato per la Germania.

Continua a leggere