La “Torta del Sorriso” fa novanta: da Rovato un dolce “grazie” a chi opera contro il Covid-19

La “Torta del Sorriso”, a Rovato, fa…novanta. Tante sono state le famiglie di Rovato e delle sue frazioni che hanno risposto alla “sfida” social lanciata da Pierluigi Toscani, già assessore e recentemente vicesindaco di Rovato, attraverso il proprio profilo Facebook.

CLICCA QUI PER TUTTE LE FOTOGRAFIE (DOPO LA PRIMA, CLICCA A DESTRA PER SCORRERE LA GALLERIA)

Così scriveva Toscani il 16 aprile:

“…questa settimana solo gli abitanti di Rovato e Frazioni, dovranno preparare la torta del sorriso. Una torta da regalare a chi ha fatto molto in questo momento terribile…. La torta fatela come volete e al gusto che volete, sopra ci dovrà essere un sorriso e la parola GRAZIE.

Queste torte verranno regalate agli operatori della Rovato Soccorso, della Don Gnocchi, della Casa di Riposo, ai Carabinieri, ai Vigili urbani,alla Protezione civile, a Monsignore e ai sacerdoti di S. Maria Assunta, ai sacerdoti di Duomo, S. Andrea, Lodetto, S. Anna, S.Giovanni Bosco, Convento dell Annunciata, alle Canossiane e alle suore di S. Andrea, al personale dei servizi sociali e anagrafe, agli operai cimiteriali, ai netturbini, ai medici di famiglia, alle 6 farmacie”.

La risposta è stata significativa, con un centinaio di torte circa: molte, tanto che alla fine una ventina sono state “dirottate” sull’ospedale di Chiari.

Continua a leggere

Non solo Rovato: in Franciacorta nasce consegnamy.it, il portale gratuito per il cibo a casa tra Brescia e Bergamo

Rovato..e non solo.

In questi tempi di quarantena (quasi) forzata, un gruppo di giovani della Franciacorta, quelli di Deco srl (tra loro l’assessore all’innovazione del vicino Comune di Erbusco, Paolo Bertazzoni) ha pensato di dare una mano a chi deve ricevere a casa dei beni (principalmente alimentari) e a chi invece li vende.

E’ nato così il servizio consegnamy.it, gratuito: una specie di motore di ricerca delle spedizioni a domicilio a Rovato, in Franciacorta e non solo

Dal sito si legge che “Abbiamo raccolto le adesioni di diversi ristorantinegozi d’alimentarilocalicantineesercenti e enoteche che in questo periodo d’emergenza possono consegnare direttamente a casa tua o prepararti il ritiro da asporto.

Inserisci qua sopra il tuo comune tra quelli coperti per verificare i servizi disponibili nella tua zona. Alcune attività, anche se non sono del tuo Comune, possono consegnarti a casa il tuo ordine. Per prenotare la tua spesa seleziona il negozio/ristorante/enoteca che preferisci e contattalo”.

Clicca qui per scoprire cosa offre Rovato…direttamente a casa tua.

Mascherine Rovato: “consegniamole a casa”. La proposta di Pd e Rovato Civica all’Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo dai gruppi consigliari di opposizione Partito Democratico Rovato e Rovato Civica, in merito alla distribuzione gratuita di mascherine da parte del Comune di Rovato:

“I sottoscritti consiglieri comunali, stante la crescente preoccupazione nella cittadinanza in merito agli sviluppi anche sul nostro territorio comunale dell’epidemia COVID-19 sottopongono alla valutazione della giunta comunale la possibilità di provvedere alla distribuzione delle mascherine protettive che sono in dotazione all’amministrazione comunale direttamente nella cassetta della posta dei nostri concittadini evitando la distribuzione in farmacia.
Sono infatti già numerose le segnalazioni di concittadini che evidenziano:
1) code presso le farmacie con principi di assembramento di persone
2) impossibilità per numerosi anziani e/o soggetti deboli di recarsi presso le farmacie per il ritiro
3) comportamenti scorretti da parte di alcuni che, stante il numero predefinito di mascherine consegnate per nucleo familiare, si recano più volte in farmacie diverse
Ci rendiamo conto che lo sforzo organizzativo per la distribuzione a domicilio potrebbe essere un problema logistico di non poco conto, stante comunque il fatto che viene a oggi richiesto uno sforzo aggiuntivo in più ai farmacisti già oberati di richieste….

Continua a leggere

Rovato e Pasquetta: interdizione di ogni accesso al Monte Orfano

Lunedì di Pasquetta (13 Aprile 2020) la Convenzione dei Comuni del Montorfano, in ottemperanza a quanto affermato dal decreto ministeriale del 4 Marzo 2020 per la lotta alla diffusione del Covid19, ha deciso per la sicurezza dei cittadini la misura sopra richiamata, ossia la chiusura del Monte Orfano da tutti e quattro i Comuni interessati: Rovato, Erbusco, Coccaglio e Cologne.

Gli accessi vengono pattugliati da Polizia Locale e Protezione civile.

Non è quindi consentito accedere al Monte Orfano, tradizionale meta della gita fuori porta a Pasquetta, proprio per la necessità di restare a casa e rispettare il distanziamento sociale, impedendo così l’ulteriore diffusione del coronavirus,

Il tutto mentre gli ultimi dati disponibili in Regione Lombardia, relativi al tardo pomeriggio di domenica 12 aprile, mostrano un totale di casi di 59.502, 1.460 in più in 24 ore. Milano resta la provincia più colpita, con 13.862 casi, poi Brescia (10.868) e Bergamo (10.309).

I ricoverati sono 11.969 (57 in meno), di cui 1.176 in terapia intensiva (due in meno). I dimessi sono 17.166, mentre le vittime sono 10.621: 110 in più, uno dei dati “minori” (se così si può dire) delle ultime settimane.

 Nelle altre province il numero di positivi al tampone, e il loro aumento quotidiano, è il seguente: Como 1.924 (+99), Cremona 4.721 (+63), Lecco 1.881 (+21), Lodi 2.543 (+71), Monza e Brianza 3.639 (+64), Mantova 2.486 (+75), Pavia 3.133 (+84), Sondrio 720 (+36), Varese 1.663 (+30).

Buona Pasqua a tutta la Franciacorta da Rovato Punto Org!

buona pasqua rovatoBuona Pasqua 2020 a tutta la Franciacorta da Rovato Punto Org!

In questi tempi complessi, vogliamo rivolgere un sincero augurio a tutti i 20mila rovatesi e più in generale a chi abita e vive, ogni giorno, il territorio della Franciacorta.

Un abbraccio particolare (anche se virtuale, visto il Covid19) a chi è ammalato, in ospedale o a casa, a chi è solo, a chi sta lavorando, negli ospedali o in tutti gli altri luoghi necessari a fare andare avanti la vita quotidiana di tutti noi, ora dopo ora.

A questo punto, di solito, si scrive “andrà tutto bene”. A noi sembra irrispettoso verso chi ha perso qualcuno, per il Covid19. Non riusciamo a scrivere “andrà tutto bene”, e nemmeno “torneremo presto alla normalità”.

Se una comunità attraversa un shock come quello degli ultimi 40 giorni e ne esce uguale a prima, beh, qualche problema ce l’ha.

Speriamo invece di uscirne, e bene, ma migliori.

Non tanto come singoli, ma come comunità.

Buona Pasqua da Rovato Punto Org.