Piano Cave: conti da rifare. Cosa cambia a Rovato

Tutto da rifare, i conti…non tornano.

La bozza di Piano Cave della Provincia di Brescia non va bene. L’algoritmo utilizzato dall’Università di Brescia non ha funzionato e mancano all’appello 8 milioni di metri cubi di materiale estraibile.

La Provincia di Brescia si è data due settimane di tempo per una nuova bozza: poi ripartiranno i tempi (60 giorni) per le osservazioni. Torna quindi in ballo anche la vicenda cava Bonfadina, tra Rovato e Cazzago San Martino, che è entrata nella politica rovatese durante l’ultimo Consiglio comunale, quello straordinario “della discordia”. Dentro il piano cave rientra poi anche l’annosa vicenda della Macogna, al confine tra Rovato, Berlingo, Travagliato e Pedrocca di Cazzago San Martino.

Nonostante l’allungamento dei tempi, i segnali non sono positivi: il nuovo piano cave dovrebbe essere ancora più pesante per un territorio già martoriato dalle attività estrattive.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...