Lodetto: rinviata per maltempo “Lodetto a tutta birra”

Niente “Lodetto a tutta birra” in frazione Lodetto di Rovato.

La prima festa della stagione a Rovato e frazioni, in calendario il 25 e 26 maggio, è stata rinviata a data da destinarsi causa maltempo.

Per fare festa, a Lodetto, bisognerà aspettare inizio giugno, e più precisamente i giorni che andranno dal 6 al 10 giugno.

Tornerà infatti la Festa Patronale della Parrocchia di San Giovanni Battista.

Lodetto a tutta birra” invece verrà ricalendarizzata più avanti.

“Causa maltempo siamo costretti a rinviare la festa a data da destinarsi”, scrivono gli organizzatori.

Il meteo, infatti, non dà molte speranze: da sabato 25 a martedì 28 maggio, a Rovato, sarà un susseguirsi di pioggia e nuvole, con temperatura sotto la media stagionale.

La primavera – forse – arriverà mercoledì 29 maggio.

Clicca qui per le previsioni meteo relative a Rovato.

Annunci

Auser Rovato: domenica al Foro Boario la “Voce delle streghe”

DOMENICA 26 MAGGIO ALLE ORE 18 il laboratorio teatrale Auser di Rovato vi invita a partecipare allo spettacolo LA VOCE DELLE STREGHE presso la Nuova Sala Civica di Piazza Garibaldi .

Questo lavoro fa parte  del Festival “La strada per Endor”.

Inoltre,  in collaborazione con l’Amministrazione comunale, La Fondazione Lucini Cantù e Gli amici della Casa di riposo è stato inserito nell’ambito delle iniziative in programma per la  Festa dei nonni anno 2019.

E’ uno spettacolo corale con la partecipazione delle danzatrici scalze e del gruppo Lettura e teatro di Palazzolo, Chiari e Rovato con la regia di Simona Rosa.

Non mancate

Auser Rovato

TINO BUFFOLI CI SCRIVE: LA LETTERA DI MAGGIO 2019 SU ROVATO.ORG

Dopo la rubrica “Caro sindaco ti scrivo…” (clicca qui per rileggerla), torna su Rovato.org la voce (e la penna) di Agostino “Tino” Buffoli, già esponente politico e vicesindaco di Rovato ai primi anni Novanta, che ragiona sul passato, presente e…futuro della capitale della Franciacorta.

Una nuova rubrica di pensieri e riflessioni sulla “nostra” Rovato, pubblicata su Rovato.org

Se volete scriverci con le vostre opinioni potete farlo a rovatopuntoorg@gmail.com:

La qualità dell’aria a Rovato non è delle migliori. Da dati di rilevazione, il livello di pm2 si attesterebbe sulle 62 unitàug/m3per 40 appena consentite e in certe ore di punta o di transito sostenuto in direzione del Lago e dei Centri commerciali, si possono osservare in Corso Bonomelli file di autoveicoli  obbligati a procedere a passo d’uomo con relative venefiche emissioni.

Queste code finiscono per impattare anche sul traffico delle vie che vi si immettono. Il risultato è spesso un’aria irrespirabile. Compete ad un’ Amministrazione responsabile la tutela della salute e sarebbe buona cosa tenere monitorato il livello delle polveri sottilipereventualmente adottare provvedimenti adeguati. Fossimo una città di trentamila abitanti, scatterebbero automaticamente le limitazioni al traffico predisposte dalla Regione, ne abbiamo dieci mila in meno ma è attendibile pensare che il traffico sul Corso, in certe giornate e ore, sia paragonabile a quello di una ben più popolosa Città. Sarebbe utile sistemare una centralina di rilevazione per aver la giusta consapevolezza del fenomeno.

Continua a leggere

Guasto a Ospitaletto: treni in ritardo anche a Rovato

Mattinata complicata per chi prende un treno a Rovato.

La linea tra Brescia e Bergamo sta subendo ritardi fino a mezz’ora a causa di un problema tecnico alla stazione di Ospitaletto – Travagliato, la più vicina a quella di Rovato.

“Possibili ritardi – scrive Trenord lle 6.23 – fino a circa 30 minuti, limitazioni e variazioni a causa di un guasto agli impianti, che regolano la circolazione dei treni, nei pressi della stazione di OSPITALETTO TRAVAGLIATO. I tecnici di RFI sono al lavoro per consentire il ripristino della regolare circolazione.

Prestare attenzione agli annunci e ai monitor in stazione”.

Per la situazione sulla tratta clicca qui

Per gli orari di ogni singolo treno in viaggio clicca qui

“Un bosco italiano”. A Rovato apre la sede dei tornitori di Franciacorta.

“Il bosco italiano” tiene a battesimo a Rovato la neonata ATF, Associazione Tornitori della Franciacorta.

La settima edizione a Rovato del concorso nazionale di tornitura artistica del legno“Un Bosco Italiano”, promossa da AIATL è stata affidata, con il patrocinio del Comune di Rovato, all’Associazione Tornitori di Franciacorta.

Sabato 18 maggio 2019, a mezzogiorno, in concomitanza del concorso, ci sarà infatti l’inaugurazione della nuova sede nel cuore di Rovato, all’interno di palazzo Sonzogni, con ingresso da Vicolo San Vincenzo, 8.

I locali, concessi dal Comune, sono stati messi a nuovo in questi mesi dai soci dell’associazione.

“Siamo onorati – spiegano i soci del sodalizio – di potere dare continuità a un concorso che ormai si è radicato da diversi anni nel territorio e capace di ottenere il riconoscimento e il supporto dell’Aiatl”, l’associazione nazionale dei tornitori del legno.

Continua a leggere

“Riuso”: il banco di Rovato…sbanca Roma.

Il progetto RIUSO – Banco del riuso in Franciacorta con sede in via XXV Aprile a Rovato e animato da Fondazione Cogeme Onlus è stato premiato mercoledì 15 maggio a Roma, all’interno della prestigiosa manifestazione nazionale FORUM PA 2019.

Tra le migliori iniziative candidate al “Premio PA Sostenibile – Edizione II. 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”, promosso da FPA in collaborazione con ASviS (Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile), c’è l’esperienza del Banco del riuso in Franciacorta premiata nella categoria “Economia circolare, innovazione e occupazione”.

Il premio “Premio PA Sostenibile”  ha la finalità di scoprire e dare visibilità alle migliori iniziative nate per aiutare l’Italia, e in particolare i singoli territori, ad affrontare le tante debolezze dell’attuale modello di sviluppo, scegliendo un sentiero di crescita sostenibile da percorrere fino e oltre il 2030.

Per saperne di più sul progetto è possibile visitare un apposito sito internet aperto all’indirizzo http://www.versounaeconomiacircolare.it

 

“Footballization”: il doc ideato da Stefano Fogliata finalmente a Rovato

Venerdì 17 maggio Footballization arriva a Rovato e si presenta al pubblico bresciano nella sua versione definitiva. La stessa che dopo l’estate girerà per i cinema ed i festival italiani.

A Rovato va in scena la versione definitiva del docu-film di Francesco Furiassi e Francesco Agostini, che racconta i più improbabili campi da calcio e dei suoi protagonisti nei campi profughi in Libano.

Presente la serata Ivano Bianchini, che al termine della proiezione dialogherà con Stefano Fogliata, giovane di Rovato, ideatore e scrittore del film.

INGRESSO LIBERO. L’evento è possibile grazie al sostegno di Educare Futuro, Acli Rovato, Casa Famiglia Pane e Sale, Tavolo della Pace Montorfano Franciacorta, Auser Rovato, Il Cerchio delle Donne, ANPI Rovato, GS Lodetto e La Casa del Sole.

TRAMA – “Chi non sa come tornare a casa?” Louay, Yazan e Rami sin da bambini giocavano insieme sui campi da calcio del campo palestinese di Yarmouk, in Siria.
Con l’intensificarsi del conflitto attorno a Damasco, hanno trovato riparo nel campo di Borj el Barajneh, alla periferia di Beirut, dove oggi difendono i colori dell’Al-Aqsa, la squadra palestinese simbolo del campo.

Stefano, ricercatore rovatese e calciatore dell’Al-Aqsa, ci guida all’interno del campo e nel quotidiano dei suoi compagni di squadra. Confinati ai margini della società e del sistema calcistico, i rifugiati palestinesi e siriani rincorrono la remota chance di vestire la maglia delle più blasonate squadre libanesi.

Footballization è un docu-film giocato tra Siria, Libano e Palestina, dove il ritmo del calcio s’interseca con le storie di vita dentro e fuori dal campo.